Menu:

Links:

www.vegacer.com
www.quickpoint.biz

--------------------

In evidenza:

Set Stecchette in legno di bosso da 38 pezzi

€ 18,00

Più informazioni? Clicca qui!

--------------------

Il terzo fuoco

Questa tecnica di decorazione viene fatta su un oggetto già vetrificato per mezzo della seconda cottura. Si utilizzano sopravernici in polvere che possono essere mischiate tra loro.
Si preparano con acquaragia ed essenza grassa, e a volte ottenere una pennellata più sfumata o per tamponare. La temperatura normale di cottura è intorno a 720 °C, mentre certi rossi vanno cotti tra 500 °C e i 600 °C.

Materiale

 

Usare la matita grassa per ripassare leggermente su carta trasparente da disegno il motivo che volete copiare.

_________________________________________________________

Pulire con un panno e l'acquaragia, poi passare una goccia di essenza grassa. Lasciare essiccare. Ora rovesciare la carta e appoggiarla sull'oggetto. Passare di nuovo sopra il disegno con una punta in modo che la parte con la matita grassa rimanga sull'oggetto.
_________________________________________________________

Preparare sempre poco colore alla volta eccetto quando si devono tamponare e colorare ampie zone. Il colore infatti essicca velocemente durante la lavorazione .Per tenerlo morbido basta aggiungere acquaragia a poco a poco. Unire una puntina di essenza grassa solo se necessario visto che l'acquaragia evapora, ma l'essenza grassa no.
Mettere quindi poca polvere sulla lastra di vetro e sempre con la punta della spatola aggiungere una goccia di acquaragia e una goccia di essenza grassa. Una volta mischiato, il colore non deve risultare né magro né grasso. Se è poco lucido  aggiungere un'altra puntina di essenza grassa. La consistenza giusta varia secondo il colore e il tipo di essenza grassa usata.

_________________________________________________________

Volendo, con la penna contornare il disegno con un colore contrastante rispetto a quello che volete utilizzare all'interno della forma. Lasciare essiccare. Si può anche utilizzare lo stesso colore e poi pennellarlo all'interno della forma; in questo caso non lasciare essiccare.
_________________________________________________________

Prima di intingere il pennello nel colore, bagnarne la punta nell'acquaragia, per togliere eventuali residui di colore dell'ultimo lavoro fatto.

_________________________________________________________

Asciugare delicatamente l'eccesso di colore su un panno.
_________________________________________________________

Qui si vende il disegno ricalcato all'inizio della colorazione.

_________________________________________________________

Intingere il pennello nel colore prendendone poco alla volta, a seconda della pressione che si esercita nel dare la pennellata, si possono già creare sfumature.
Pennellare sempre verso sé. Studiare attentamente la forma del fiore o di foglia per decidere da dove iniziare la pennellata.
_________________________________________________________

Per togliere del colore o parti del disegno non volute, usare la punta del pennello con un po' di acquaragia; se il colore è già essiccato usare la punta dello sgarzino per cancellare o per asportare il colore e per creare delle zone di luce.

_________________________________________________________

Tamponare utilizzando un tampone di gommapiuma o una spugnetta da tampone dopo aver aggiunto al colore preparato l'essenza di lavanda e avere isolato il bordo con il delacco, che proteggerà la parta che non volete tamponare
_________________________________________________________

Rimuovere il delacco dopo aver terminato la tamponatura che rimane sempre delicata prima della cottura.

_________________________________________________________

Per filettare sopra o accanto a un colore, quel colore deve essere già cotto.  Per filettare direttamente sull'oggetto, si possono cuocere il decoro e l'oro insieme. Appoggiare e centrare l'oggetto sul torniello che viene girato con un colpetto di mano tenendo ferma la mano con il pennello. La pressione che si esercita sul pennello determina la larghezza del filetto. Se l'oro prima della cottura ha un colore viola significa che lo spessore è troppo leggero. Se dopo la cottura l'oro è screpolato il motivo è lo stesso.