Menu:

Links:

www.vegacer.com
www.quickpoint.biz

--------------------

In evidenza:

Set Stecchette in legno di bosso da 38 pezzi

€ 18,00

Più informazioni? Clicca qui!

--------------------

Consigli pratici

La barbottina agisce sia come "colla" sia per eliminare eventuali bolle d'aria che sono nella maggior parte dei casi causa di rottura dei pezzi durante la prima cottura. Una barbottina troppo liquida rischia di indebolire le pareti del vaso durante una barbottina cremosa.
Una forma chiusa. per esempio un uovo, ha sempre bisogno di un piccolo foro per far uscire l'aria.
Se vengono sovrapposti due pezzi d'argilla senza la certezza che non vi siano bolle d'aria devono essere praticati dei piccoli fori con l'ago, o all'interno o all'esterno, come parte del disegno.
Cercare di costruire i lavori sopra una mattonella grezza, così che possano essere rimossi con facilità dal torniello senza danneggiarli.
Se la base dell'oggetto è troppo grande utilizzare come base d'appoggio un piano di legno grezzo sopra il quale si deve mettere carta da forno, o dei fogli di giornale, o della plastica leggera, così da consentire il ritiro durante l'essiccamento.
Non costruire mai attorno a un supporto rigido, come, ad esempio, bottiglia, cartone, scatola, senza averlo foderato con fogli di giornale. In questo modo potrete togliere il supporto con facilità appena sarà possibile.
Svuotare le sculture, se non sono molto grandi praticare dei fori nella parte inferiore con un ago da maglia, prima che assumano la durezza cuoio.
Non utilizzare mai legno dipinto, laminato o mattonelle smaltate come base d'appoggio. Questi materiali hanno un "effetto ventosa", per cui l'argilla fresca vi si attacca, e quando il pezzo comincia a essiccare ha difficoltà a ritirarsi liberamente e possono formarsi delle crepe. Ricordate che tutte le argille si ritirano durante l'essiccamento. Se non si dispone di basi di altro tipo, basterà ricoprire il piano di lavoro con carta da forno, che è molto resistente e permette il ritiro.
Ricordate che ogni problema può diventare un'occasione di creatività.
Lasciarsi guidare dal proprio intuito e dalle proprie mani.
Con l'esperienza l'argilla diventerà sempre più familiare.
L'argilla invita a essere modellata. E' liquida, plastica, durezza cuoio, delicata, resistente dopo la cottura.
Usare il filo tagliacreta per staccare dal panetto la quantità di argilla che occorre.
Esistono molti sistemi per reimpastare gli scarti.
Formare una "testa d'ariete" con movimento ritmico, molto simile a quello per impastare il pane. Questo metodo non solo elimina le bolle d'aria, ma dà all'argilla una consistenza uniforme.
Per assicurarsi che l'impasto non rimangano bolle d'aria sbattere l'argilla sul piano di lavoro. Poi, sempre sbattendo, formare un rettangolo o un quadrato, a seconda del lavoro che si desidera realizzare.
Per esempio, se si vuole ottenere una lastra rettangolare, formare un rettangolo. In questo modo si eviterà uno spreco di energia e materiale.